stufa-canalizzata-mcz

STUFA A PELLET CANALIZZATA QUALI LAVORI SERVONO

Come Riscaldare più stanze della casa, risparmiando

Installare una stufa a pellet è un modo ecologico ed economico per riscaldare un ambiente domestico. Il risparmio è ancora maggiore se scegli una stufa a pellet canalizzata, che di stanze ti permette di riscaldarne anche più di una. L’aria calda generata dalla combustione del pellet può essere convogliata fino a 8 metri di distanza senza perdite di calore, permettendoti così di riscaldare più stanze con un unico generatore.

Per installare una stufa di questo tipo servono alcuni lavori di edilizia. Cominciamo dal funzionamento della stufa per capire quali interventi saranno necessari.

 

Come funziona una stufa a pellet canalizzata 

Le stufe a pellet che trovi sul mercato possono essere ad aria, ossia con un unico ventilatore frontale, oppure canalizzabili, cioè dotate di una o più uscite d'aria che si possono convogliare verso altre stanze, anche su piani diversi della casa, attraverso dei condotti a parete. 

La stufa a pellet canalizzata è l’ideale se devi riscaldare due o più stanze e vuoi usare un unico generatore. 

Al raggiungimento di una determinata temperatura, i ventilatori presenti nella stufa a pellet si attivano e convogliano in maniera forzata l’aria calda lungo i tubi e, da qui, fuori dalle bocchette installate sulla parete. 

Il sistema Comfort Air® brevettato da MCZ rappresenta un ulteriore passo avanti, nella tecnologia della canalizzazione. L’aria calda, anziché spinta forzatamente verso l’esterno, viene invece aspirata e diffusa. Ciò assicura una propagazione più efficiente e uniforme del calore.

 

stufa-mcz

La stufa a pellet Club è uno dei tanti modelli di stufe a pellet canalizzate presenti nel catalogo MCZ, che permettono di riscaldare la casa in maniera ancora più conveniente.

 

Con una stufa a pellet canalizzata assicuri alla tua abitazione un impianto di riscaldamento alternativo, che sfrutta il potere calorifico del pellet e la sua convenienza per avere aria calda in più stanze della casa. 

Le migliori stufe canalizzate permettono di regolare a piacimento la ventilazione, in maniera assolutamente indipendente, per ottenere un comfort personalizzato nelle varie stanze in cui arriva l’aria canalizzata. In questo modo puoi avere temperature diverse in ambienti diversi, tutto grazie a un unico generatore di calore

 

Quali lavori servono per installare le canalizzazioni? 

Premessa dovuta: sarà sempre e comunque un professionista a progettare l'intervento di edilizia, ma ci sono comunque alcuni dati standard che valgono per tutti gli interventi.

  • I condotti per canalizzare l’aria calda hanno un diametro variabile a seconda del sistema scelto. Le canalizzazioni Comfort Air® di MCZ hanno un diametro di circa 60 mm. L’ingombro ridotto ne facilita l’installazione anche in tramezze e paretine non portanti. 
  • È possibile riscaldare più piani. 
  • Oltre alla stanza in cui è installata la stufa, potrai scaldare due o più zone della casa, a seconda del numero di ventilatori presenti nella stufa e della disposizione delle stanze. 
  • Le canalizzazioni sono di norma realizzate in alluminio flessibile. Le canalizzazioni Comfort Air® di MCZ  possono raggiungere tranquillamente fino a 8 metri di distanza, assicurando aria calda in uscita a una temperatura costante di 80°C
  • Se nel modello di stufa a pellet canalizzata che hai scelto sono presenti più uscite per le canalizzazioni, puoi decidere di usarne una per riscaldare l’ambiente con superficie più ampia e e sdoppiare l’altra. In questo caso, però, devi avere l’accortezza di effettuare due diramazioni di uguale lunghezza, per garantire un’analoga portata d’aria calda in entrambi gli ambienti. 
  • Oltre alle canalizzazioni il tecnico poi posizionerà dei diffusori, cioè delle griglie da cui far fuoriuscire l’aria calda. Sul mercato ce ne sono tantissime varianti, monodirezionali, bidirezionali o multidirezionali, che ti permettono di regolare manualmente o tramite un telecomando il flusso d’aria in uscita. 

MCZ propone ai suoi clienti diffusori di design, dalle linee minimal, che puoi installare liberamente in qualsiasi zona della stanza, anche in prossimità del pavimento. Alcuni modelli, unici sul mercato, funzionano anche come lampade da parete e sono dotati di una vaschetta contenente acqua che vaporizza con l’uscita dell’aria calda. In questo modo, oltre a una piacevole sensazione di calore, l’ambiente riceverà anche la giusta umidificazione e, aggiungendo essenze e fragranze, si potrà ottenere un delicato effetto di aromaterapia.

 

La canna fumaria ce l’hai? 

Realizzate le canalizzazioni, rimane un altro aspetto su cui lavorare. Se non è già presente, devi prevedere una canna fumaria.

Da settembre 2013 tutti gli impianti termici di nuova realizzazione o installati in sostituzione di un impianto esistente hanno l’obbligo di scaricare sul tetto. A stabilirlo è una normativa nazionale (Legge 90/2013) che prevede pesanti sanzioni per chi disattende le indicazioni.

Lo scarico a parete senza canna fumaria, oltre che vietato per legge, è anche sconsigliato, in quanto può compromettere il funzionamento della stufa e far decadere la garanzia. 

Prima di installare la tua stufa canalizzata, quindi, controlla se nella tua casa è già presente una canna fumaria. Nel caso di risposta affermativa, devi verificare che funzioni correttamente e che sia utilizzabile, contattando un tecnico qualificato in grado di eseguire tutti gli accertamenti. Se invece la canna fumaria non c’è, devi fartene costruire una nuova. 

 

Alla luce dei lavori da fare, se vuoi installare una stufa a pellet canalizzata, noi ti consigliamo di farlo in occasione di una ristrutturazione o mentre stai costruendo la tua nuova casa.

 

Se non vuoi fare lavori di edilizia ma sei deciso a passare al riscaldamento alternativo con il pellet, puoi sempre optare per una termostufa da collegare all’impianto idraulico esistente. In questo modo la combustione del pellet, oltre a riscaldare l’aria, riscalda anche l’acqua che viene fatta circolare nell’impianto a pavimento o nei termosifoni della casa, assicurandoti il comfort e il calore che desideri. 

 

QuANTO COSTANO i LAVORI?

Se installi una stufa a pellet canalizzata mentre ristrutturi casa, considera che puoi usufruire della detrazione fiscale e recuperare, tramite IRPEF, il 50% della somma investita. In alternativa, se la stufa va a sostituire un impianto esistente, obsoleto e inquinante, puoi optare per il Conto Termico e ottenere fino a 2.300 euro di incentivo, direttamente sul tuo conto, in meno di 2 mesi. Leggi il nostro approfondimento sulle agevolazioni fiscali previste. 

Per iniziare subito il tuo progetto e avere un preventivo senza impegno, chiedi subito la consulenza di un professionista. 

Richiedi consulenza

Mario Camilot
scritto da

Mario Camilot

Mi occupo di riscaldamento a pellet e a legna dal 2003. Attualmente seguo l’intero iter di sviluppo dei prodotti, dall’ideazione, alla prototipazione, fino all’immissione sul mercato.

I miei consigli vi saranno utili per:

  • focalizzare tutti gli aspetti tecnici del prodotto che ne determinano la qualità complessiva (materiali utilizzati, componenti meccaniche, elettronica, facilità d’uso, pannelli di controllo e comandi a distanza, eccetera)
  • capire come funzionano nel dettaglio sia le stufe più semplici sia gli impianti a pellet più complessi (caldaie o termostufe + solare)
  • comparare tra loro i vari prodotti esistenti sul mercato

CATEGORIE: Canalizzazione

RISCALDAMENTO
DI CASA

Scopri le cose che nessuno
ti ha mai detto!

iPad-Guida-Riscaldamento.png
pdf.png
SCARICA LA GUIDA

YOUR FIRE NEWSLETTER

Riceverai i contenuti più utili
direttamente via email. Una volta al
mese (o anche meno)

Subscribe to Email Updates

YOUR FIRE SOCIAL

Tendenze, novità, consigli,
storie e ambienti dedicati al fuoco via Facebook,
Pinterest o Instagram. Basta un clic!

DUBBI? SCRIVICI!